Gruppo Fratres Donatori di Sangue Otranto

 

IL SANGUE

Le funzioni del sangue nel nostro organismo sono molteplici, sia come nutrimento che come difesa. Il sangue, infatti, nutre le cellule dell'intero organismo trasportando ossigeno e altre sostanze, ed eliminando l'anidride carbonica; inoltre trasporta gli anticorpi e permette la coagulazione. Per questo motivo l'atto di donazione assume grande importanza, soprattutto in casi particolari come il primo soccorso, oppure a seguito di interventi chirurgici o trapianti di organi. Inoltre, il sangue risulta indispensabile nella cura di malattie gravi come tumori, leucemie ed anemie croniche.

Il sangue è un tessuto liquido che costituisce circa il 7% del nostro organismo, equivalente più o meno a 5 litri. Esso è fatto di plasma, la parte liquida, e di elementi cellulari prodotti dal midollo osseo che ne costituiscono la parte corpuscolata.

Il plasma si compone quasi interamente da acqua e forma circa il 55% del sangue; in esso, oltre agli elementi corpuscolari, si trovano anche proteine (specialmente albumina), ormoni, anticorpi, grassi, fattori coagulanti e tutte le sostanze assorbite tramite l'intestino con l'alimentazione.

Gli elementi cellulari, presenti nel sangue per circa il 45%, sono invece globuli rossi, globuli bianchi e piastrine.

I globuli rossi, detti anche eritrociti o emazie, assumono questo colore perché contengono emoglobina, una proteina legata al ferro, che ha il compito principale di trasportare l'ossigeno dai polmoni a tutti gli organi e i tessuti del corpo; inoltre, con un percorso inverso, elimina da organi e tessuti l'anidride carbonica sempre attraverso i polmoni.

I globuli bianchi, o leucociti, difendono l'organismo dalle infezioni; per questo motivo aumentano di numero durante le malattie infettive, producendo proteine di difesa tra cui gli anticorpi (o immunoglobuline).

Le piastrine, infine, hanno una funzione di coagulazione delle ferite, bloccando in questo modo, insieme ad altri fattori, la fuoriuscita di sangue (emorragia).

Come si può notare, il meccanismo è piuttosto semplice e, al tempo stesso, complesso e affascinante. Il nostro corpo è una macchina meravigliosa che funziona alla perfezione e il sangue ne è chiaramente la benzina. Per quanto si dia per scontato il suo valore, esso costituisce la parte più preziosa di noi. Ecco perché il sangue è uguale vita e la vita è bella se è condivisa.

 

AVVISO IMPORTANTE AL DONATORE

Negli ultimi anni i rapporti sessuali sono diventati la causa principale di contagio per l’AIDS.

Gli esami che eseguiamo in occasione della donazione NON DANNO GARANZIE ASSOLUTE.

Se negli ultimi dodici mesi ha cambiato partner sessuale o ha avuto dei rapporti a rischio (con tossicodipendenti o ex tossicodipendenti, con omosessuali promiscui, con prostitute oppure con eterosessuali promiscui cioè soggetti che cambiano frequentemente partner), anche se protetti, NON DONI.

Se ha già donato ma non può comunicarlo immediatamente, (ad esempio perché con amici o parenti o per qualche altro motivo) TELEFONI OGGI STESSO al numero 0833 773111, chieda di un medico del Servizio Trasfusionale, in questo modo, senza che lei debba fornire nessuna spiegazione, il sangue da lei donato verrà eliminato. I malati hanno diritto a ricevere sangue “sicuro” e questo suo comportamento può aiutare a raggiungere tale obbiettivo.

Si prega inoltre di comunicare eventuale riscontro di positività infettiva virale propria e/o del partner ed eventuali malattie insorte nel periodo successivo alla donazione, con particolare riferimento all’epatite, anche se comparsa nei 6 mesi successivi. Inoltre, si chiede di comunicare la comparsa di episodi infettivi (con o senza febbre) insorti nelle 24 ore successive alla donazione.

Il CENTRO NAZIONALE SANGUE HA COMUNICATO CHE
a partire da 15 luglio, tutti i donatori di sangue, plasma, piastrine, cellule staminali e cordone ombelicale che abbiano soggiornato nelle ore serali e notturne, anche una sola notte, nelle province di Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia, Vicenza, Mantova, Rovigo, Venezia e inoltre in tutto il territorio di Israele e in quella parte della Grecia che riguarda la Macedonia Centrale (Province di Salonicco, Pierla, Kilkis, Imanthia, Pella, Serres, Chalkidiki) devono essere sospesi temporaneamente dalla donazione per un periodo di 28 giorni a partire dal giorno del rientro dalla’area indicata. La stessa sospensione vale per tutto l’anno e per gli anni a venire, per i donatori che abbiano soggiornato nelle ore serali e notturne, anche una sola notte, in tutto il territorio degli Stati Uniti D’America.
L’eventuale soggiorno nelle isole di Martinica e Guadalupa-Guyana prevede una sospensione temporanea di 15 giorni dei donatori a partire dal giorno di rientro.

QUANTI GIORNI DEVO ATTENDERE PRIMA DI EFFETTUARE LA PROSSIMA DONAZIONE?
Ecco la tabella che informa su quanti giorni devono trascorrere come intervallo minimo - secondo le ultime disposizioni di legge - tra un tipo di donazione e la successiva
Emocomponenti Sangue
Intero
Piastrine Plasma Multicomponente
(globuli rossi + plasma o piastrine)
Multicomponente
(plasma + piastrine)
Multicomponente
(piastrine + piastrine)
Multicomponente
(globuli rossi + globuli rossi)
Sangue Intero 90 30 30 90 30 30 180
Piastrine 14 14 30 14 14 14 30
Plasma 14 14 14 14 14 14 30
Multicomponente
(globuli rossi + plasma o piastrine)
90 30 30 90 30 30 180
Multicomponente
(plasma + piastrine)
14 14 14 14 14 14 30
Multicomponente
(piastrine + piastrine)
30 30 30 30 30 30 30
Multicomponente
(globuli rossi + globuli rossi)
180 30 30 180 30 30 180

I numeri indicano i giorni di intervallo minimo tra i vari tipi di donazione possibile

La consultazione della tabella risulterà facile facendo incrociare la prima ascissa (scegliere l'emocomponente desiderato tra i sette riportati nella prima colonna a sinistra, in giallo) con la rispettiva ordinata (incrociare l'emocomponente scelto con uno degli altri sette indicati nella prima riga in alto, in verde) e ottenendo in tal modo il numero di giorni di intervallo previsto tra un tipo di donazione e un altro.

ALCUNE CAUSE DI NON IDONEITA' TEMPORANEA ALLA DONAZIONE

FEBBRE superiore a 38 °C negli ultimi 15 giorni

Sospensione per 15 giorni

ANTIBIOTICI negli ultimi 15 giorni

Sospensione per 15 giorni

ODONTOIATRIA (cioè le cure consuete presso il dentista)

Sospensione per massimo 7 giorni

ESAMI STRUMENTALI (gastroscopia, artroscopia, colonscopia, rettoscopia, endoscopia in genere)
USO DI CATETERI

Sospensione per 4 mesi

CICLO MESTRUALE

E' opportuno rinviare la donazione

GRAVIDANZA
-durante la gestazione
-dalla data del parto
-dalla interruzione (aborto)


Sospensione
Sospensione per 1 anno
Sospensione per 6 mesi

VACCINAZIONI
-allergie
-influenza, pertosse, tetano
-epatite A e B


Sospensione per 72 ore (3 giorni)
Sospensione per 48 ore se non ha sintomi
Sospensione per 48 ore

TRASFUSIONI
-sangue, plasma, piastrine, fattori della coagulazione
-albumina, immunoglobuline (ad esempio sieroprofilassi ANTITETANICA dopo una ferita)


Sospensione per 4 mesi
Sospensione per 4 mesi

AGOPUNTURA
-in ambiente medico (con aghi "usa e getta")
-in tutti gli altri casi


Nessuna sospensione
Sospensione per 4 mesi

FORATURA DELLE ORECCHIE, PIERCING (con strumenti non "usa e getta")

Sospensione per 4 mesi

TATUAGGI

Sospensione per 4 mesi